Di Sait Vo Lusern



18/05/2012
(Economia)

DI ÖADN BISAN GEPUZT VON ÖM



«E l'aura fai son vir... il vento fa il suo giro e ogni cosa prima o poi ritorna». È il titolo, ma anche la frase più ripetuta dentro un piccolo film, povero di denari ma prezioso come una pagliuzza d'oro nel fiume inquinato della nostra civiltà, girato in terra occitana e recitato in gran parte da attori non professionisti, in italiano, francese e nella antica lingua dei trubadors, che nel XIII secolo hanno cambiato il mondo con la poesia. L'unico popolo, quello occitano, che ha come inno nazionale una canzone d'amore. Bene, questo film mi è ritornato alla mente leggendo con sorpresa l'avviso appeso all'albo del comune di Luserna, dove si invitava la popolazione a recintare i propri orti e a metterli in coltura, perché sarebbe arrivato un pastore con diritto di pascolo sui terreni incolti. Certo, assieme alla dolcezza di quelle immagini ho ritrovato anche l'amaro finale della pellicola, che è anche il finale della storia vera vissuta da Fredo Valla l'autore del soggetto. So che a Luserna non sarà cosi, ma vale sempre la pena di ricordare che: senza contatto, scambio di valori e accoglienza, non può esserci sviluppo umano e qualità dell'esistere 'Z izta a film, boda kontart di stòrdja von an schavar frantzes boda lazzt soi lånt, ombromm sèmm izta khennt gemacht an autopån un izta nemear platz vor soin stall, disar schavar rift in Beleslånt, pitt soin öm, pitt soin baibe, pitt soin khindar, un geat zo leba in a khlumma lånt. Dar film iz khennt gemacht in Val Maira in di provintz vo Cuneo, a tal bodamar iz gearn in hèrtz un boda a tiabas a bòtta geade, baldamar velt da sèll natur bode böllat, un boda aft ünsarne pèrng stente hèrta mearar zo venna. In sèll film, balda dar schavar rift in lånt, pitt soinar famildja, di laüt soin alle kontent un helvanen zo traga vür soi arbat, ma 'z geat nètt lång, palle, kartza palle, di altn straitar khemmen umeübar. Dar film geat nètt zo geriva garècht, dar schavar an lestn lazzt 'z lånt un soine straitar un affon pèrge vallta a sbera, tunkhlega nacht. I billaz nètt khön vil åndarst vo disan film, ombromm azzaren böllt seng makaren vorsan in laigom in di bibliotèk. Ditza izzmar khennt in sint balde hån gesek auzgehenk in aviso ke atz Lusérn o khinnta a schavar pitt soin öm. 'Z iz nètt da earst bòtta boda di öm khemmen gerüaft zo saübra di bisan un di èkhar, sa au in Rabbi Tal a baibe, bode hån gekhennt balz no gest a diarndle un iz gånt ka schual, iz khennt untarstützt von kamou zo saübra 'z vèlt pinn öm, un sin vert iz gånt allz garècht ma est pariratz soin azta nemear sai gèlt, zo maga gian vür. Atz Lusérn khinntz getånt ummenicht,baz böllbar mearar? Andrea Nicolussi Golo

l'adige pag.38