Dai Giornali




Per le ricerche con parole chiave utlizza il modulo in fondo alla pagina (in basso a destra).




22/10/2016
()

COMUNE UNICO, NASCE IL COMITATO PER LA FUSIONE

ALTIPIANI CIMBRI - Folgaria, Lavarone e Luserna un Comune unico? Un Comitato spontaneo trasversale, del quale fanno parte membri di maggioranza e minoranza dei vari Consigli comunali, sta sondando il terreno. Tre altipiani a confronto per fare un unico altopiano, tre storie da sovrapporre per creare un'unica identità geografica, una forte coesione ed un forte senso di appartenenza. Si potrebbe ideare un unico, condiviso, progetto di sviluppo?
Il Comitato ha già incontrato i tre sindaci Walter Forrer per Folgaria, Isacco Corradi per Lavarone e Luca Nicolussi Paolaz per Lusérn ( i tre insieme nella foto ). Con loro anche Nicoletta Carbonari, presidente della Comunità di Valle. Il 28 ottobre a Carbonare presso la sala del centro civico ci sarà il primo incontro, un happening importante che vedrà tra gli ospiti Alessandro Ceschi, direttore del Consorzio dei Comuni Trentini, Daniele Depaoli, sindaco di Primiero S.Martino di Castrozza e l'assessore del Comune di Ledro Maria Teresa Toniatti, questi due ultimi ospiti parleranno delle loro esperienze dirette.
«È un tentativo per capire nel pieno la realtà, per sondare se esiste tra la popolazione la voglia di camminare insieme ed insieme costruire il futuro di queste terre» spiega Aldo Marzari , membro del comitato. In questo contesto vanno inserite alcune considerazione che emergono dall'ultimo incontro preparatorio che il comitato ha avuto. Il calo demografico degli Altipiani Cimbri, l'esplosione del tasso d'invecchiamento, e la crisi socio-economica delle periferie. Può un singolo Comune mettere in cantiere un progetto forte e partecipato di emancipazione? Difficilmente ci riuscirà in quanto le risorse sono ridotte al lumicino. La popolazione su tutto il territorio della «Zimbar Earde» non conta più di 3700/3900 abitanti, anche se i dati ufficiali segnalano 4.500 residenti. Molte strutture produttive hanno chiuso i battenti, da quest'anno incide in maniera diretta anche la crisi dell'edilizia che sta creando molti problemi alle ditte, per lo più artigiane, del territorio. Il turismo fonte economica principale ha bisogno di progetti ed investimenti, aumenta il pendolarismo, ed alcuni giovani hanno deciso di cercare fortuna all'estero. Un Comune unico potrebbe essere la soluzione ? L'appuntamento è per venerdì 28 alle 20.30 nella sala civica di Carbonare. Un occasione per capire , per riflettere. T.D.


l'Adige, giovedì 20 ottobre 2016, pag. 32
COMUNE UNICO, NASCE IL COMITATO PER LA FUSIONE

CONDIVIDI