Turismo

Bruciare il Marzo



“Bruciare il Marzo”

Vorprennen in Martzo

Un tempo i bambini di Luserna si recavano nel bosco e raccoglievano giorno per giorno molta legna, fino a formare delle cataste che venivano poi bruciate nella notte che separava l’ultimo giorno di febbraio dal primo di marzo. Tutta la gente del paese partecipava all’evento per festeggiare la fine del rigido inverno, cantando e raccontando storie seduti intorno al falò.

Questa antica tradizione è ancora oggi molto viva. L’ultimo giorno, o l'ultimo sabato, di febbraio, verso le 18.30, salendo il paese fino ad arrivare alla croce (‘s Kraütz), si può vedere una strana ed enorme catasta di legna. Si accende poi questo grande fuoco purificatorio, che rappresenta chiaramente un rito propiziatorio di origine pagana, attraverso cui si brucia simbolicamente la brutta stagione nell’attesa della primavera. La gente del paese si ritrova lì, festeggia questa tradizione attorno al fuoco, ben controllato dai Vigili del Fuoco/Pompiarn vo Lusérn, potendo consumare poi anche tutti insieme vin brulè, tè e un pasto caldo.